Roman Architecture Design

January 26, 2016
Gallery of Amazing Roman

Principles of design in Roman architecture: the setting out of centralised buildings

CRITERI PROGETTUALI NELLA ARCHITETTURA ROMANA

E'ampiamente riconosciuto come la tecnica progettuale degli edifici romani antichi prevedesse una valutazione tanto delle proporzioni che delle dimensioni. L'elemento della proporzione è stato generalmente considerato come più importante e la questione della dimensione relegata in un ruolo di supporto, ritenuto interessante solo nella misura in cui il rapporto tra le dimensioni viene a creare una relazione di proporzioni. Questo lavoro cerca di comprendere l'importanza della dimensione come criterio progettuale a se' stante, studiando lo sviluppo delle piante relative ad un gruppo di edifici confrontabili tra loro. Vengono prese in considerazione anche un certo numero di fonti scritte particolarmente significative.

La discussione è divisa in tre parti. La prima parte analizza le piante di un gruppo di edifici a pianta centrale, di grandi dimensioni, isolati, semplici, ben conservati, situati a Roma o nelle vicinanze e datati tra il 100 a.C. ed il 500 d.C, molti dei quali ispezionati nuovamente allo scopo. L'importanza della dimensione è messa in evidenza dal fatto che quasi tutti gli edifici in questione sviluppano piante che si possono associare a multipli di base 10, 12, e talora 16. Gli architetti sembrano essersi preoccupati di fissare tali dimensioni in modo da stabilire un limite importante nella progettazione di un edificio.

La seconda parte esamina i motivi presupposti dai criteri visti operare nella pratica. Questi sorgono sia da considerazioni di carattere concreto, quali esigenze di praticità o propositi di imitazione, sia dal principio teorico della dimensione come fondamento della progettazione, secondo il concetto greco di symmetria. La terza parte cerca di considerare i risultati esposti finora nel contesto della progettazione di un edificio come coerente insieme tridimensionale. La scelta di una dimensione complessiva appropriata sembra avere esercitato una certa influenza sul modo in cui la progettazione di un edificio era scomposta ed elaborata con l‘ausilio di aritmetica e geometria.

Come conclusione risulta che la dimensione in quanto tale appare come una delle caratteristiche fondamentali di un edificio romano, piuttosto che come semplice funzione dei rapporti di proporzione.

Footnotes

1 I wish to thank the British Academy and the Architects Registration Council of the United Kingdom (ARCUK) for awards that enabled the completion of research begun during a two year scholarship at the British School at Rome. The British School has kindly continued to offer me hospitality, and the advice of its members, staff and in particular the assistant director Amanda Claridge has been invaluable. Many thanks are also due to all those who have assisted me with surveying and to J. J. Coulton, Lucos Cozza, Paul Davies, Janet Delaine, David Hemsoll, Annie Lord, Geoffrey Rickman, John Tarn, Robert Tavernor and Susan Walker for their helpful comments and suggestions.

Source: journals.cambridge.org
RELATED VIDEO
Individuality within Regularity: Visualizing Roman Design
Individuality within Regularity: Visualizing Roman Design ...
1. Introduction to Roman Architecture
1. Introduction to Roman Architecture
Roman architecture and furniture
Roman architecture and furniture
RELATED FACTS
Share this Post